Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:ABETONE13°24°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
giovedì 18 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Venezia, fanno sci d'acqua nel Canal Grande. Il sindaco offre una cena: «A chi individua i due imbecilli»

Attualità mercoledì 04 maggio 2016 ore 06:30

I cervi? Non solo un problema della montagna

Si spingono fin nella piana gli ungulati che di norma vengono relegati a questione di competenza montana. E i danni sono per migliaia di euro



SAN MARCELLO PISTOIESE — Non più solo negli orti di montagna, ma anche nei vivai della piana pistoiese. Addirittura a due passi dallo svincolo autostradale. Stiamo parlando dei cervi. Poi ci sono i piccioni che spazzano via in poche ore interi campi di girasole. Per non parlare del classico dei classici, cioè il cinghiale. 

A denunciare la presenza degli animali e i danni da essi provocati è Coldiretti Pistoia. “È desolante verificare come le piantine di mais o girasole che in questi giorni stanno spuntando nella piana attorno al Padule e in tutta la provincia - spiega Michela Nieri, presidente di Coldiretti Pistoia -, vengano devastate due o tre volte. Riseminareun campo diventa un costo che non si può tollerare”.

A conti fatti, si tratta di danni per migliaia e migliaia di euro che non vengono risarciti.

“La situazione, già grave da anni, è ulteriormente aggravata da una fase di buco normativo - continua Nieri- che non permette l'intervento 'd'urgenza' della squadre di selezione. Una fase di incertezza che determina costi impropri a carico dei produttori agricoli”.

Il disastro nei campi, nei vigneti, nei vivai, in piano e in altura continua ed è in ampliamento. E i danni non sono solo per il settore agricolo. “Cinghiali, cervi e altri animali che insistono su zone improprie mettono a rischio la circolazione sulle strade principali e non sulle rèdole, i viottoli erbosi fra i campi - aggiunge Simone Ciampoli, direttore di Coldiretti Pistoia- Coldiretti sta conducendo un'azione a livello istituzionale per portare a definitiva soluzione il problema, che si risolve solo limitando a livelli fisiologici il numero di ungulati, piccioni ed altre specie”.

La Regione Toscana si è dotata di una legge obiettivo, e ora si stanno definendo i meccanismi di intervento finalizzati alla prevenzione e al contenimento dei danni alla colture agricole da parte di cinghiali, caprioli, cervi ed ungulati in genere nei periodi al di fuori della caccia. “Ma al momento i meccanismi ipotizzati sono burocratici e non sono funzionali -spiega Ciampoli- Incontreremo gli organi regionali nei prossimi giorni, e chiederemo la cessazione di questa inaccettabile fase di stallo e l'adozione di meccanismi adeguati a tutelare il lavoro ed il sudore di chi sta nei campi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 140 i tamponi infetti emersi in più da ieri tra capoluogo e Piana, Montalbano, montagna e Valdinievole. Tutti gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità