Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:22 METEO:ABETONE4°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
lunedì 05 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Attualità venerdì 25 marzo 2022 ore 18:53

Guerra e rincari, panificatori in ginocchio

pane vicino al forno

Sono 250 i panifici attivi nelle province di Prato e Pistoia, tra produzione e rivendita. Da loro si leva un grido d'allarme: "Rischiamo di chiudere"



PRATO / PISTOIA — "Tra guerra e rincari di energia e materie prime rischiamo di dover chiudere": è il grido d'allarme che si leva dai 250 panifici attivi nelle province di Prato e Pistoia a cui dà voce Cna Toscana Centro. 

I panificatori vivono un periodo di forte choc, stritolati tra rincari di costi di gestione, materie prime, consumi energetici e trasporti. A penalizzare artigiani e consumatori è soprattutto la strutturale dipendenza dell’Italia dalle forniture estere di frumento duro, tenero e mais. La richiesta di Cna è di mettere in campo un regime di aiuti straordinari tramite un Agrifood Recovery Fund simile a quello attivato in risposta alla crisi pandemica.

"Le quotazioni di grano tenero a livelli mai visti prima d’ora hanno già conseguenze sul mondo della trasformazione e a cascata potrebbero ricadere presto sui consumatori. Il costo della pasta - affermano gli operatori - potrebbe superare il 10%, percentuale che si aggiunge all’aumento del 10% avvenuto a fine dello scorso anno". 

La ricaduta sui prezzi è evidente: a Maggio 2021 un filoncino di pane da mezzo chilo costava 1 euro e 50 centesimi, già saliti a 1,80 euro dopo la prima ondata di rincari. E già si guarda ai 2 euro in prospettiva.

Come spiega la presidente di categoria Alessia Fanti “tra Prato e Pistoia si contano circa 250 panifici, tra produzione e rivendita, e tutti viviamo lo stesso forte disagio legato a questi incrementi continui dei costi di materie prime, energia e carburante che non sembrano voler invertire la rotta e si ripercuotono pesantemente sui beni di prima necessità come pane e prodotti della panificazione, con effetti a cascata sui consumatori finali". 

"Parliamoci chiaro - conclude - se la situazione non cambierà e non arriveranno aiuti per contenere il fenomeno, molti rischiano di dover rallentare l’attività o addirittura di chiudere, e questo deve essere evitato in ogni modo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna di 80 anni deceduta a Lucca è segnalata nel bollettino sanitario regionale che fa rilevare un live calo dei contagi e dei ricoverati gravi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità