Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:ABETONE14°25°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Attualità mercoledì 25 ottobre 2023 ore 19:10

Raccolta differenziata, ecco i Comuni più ricicloni

cassonetti dei rifiuti

Exploit di Gambassi Terme: a fronte di una media regionale di raccolta differenziata del 65,68% supera la soglia del 90%. Sono 44 i Comuni sopra l'80%



TOSCANA — E' Gambassi Terme il territorio comunale più riciclone della Toscana: i suoi 4.839 abitanti nel 2022 sono riusciti a differenziare una quota di rifiuti pari al 90,15%. Altri 44 comuni toscani hanno superato la soglia dell'80%. Il tutto a fronte di una media regionale del 65,68% di differenziazione dei rifiuti solidi urbani prodotti. I dati arrivano dalla Regione Toscana, e confermano il trend in crescita delle annate precedenti, con un incremento di un punto e mezzo percentuale rispetto al 2021. 

Fra gli aspetti positivi dell'analisi dei numeri c'è anche il calo della produzione di rifiuti urbani nel 2022 (-2,2%, equivalenti a 2,16 milioni di tonnellate rispetto al 2021 e del 5,5% rispetto al 2019). Di conseguenza anche il dato pro capite è diminuito di 9 kg/abitante passando da 599 a 590 kg/abitante rispetto al 2021. Se si considera invece il 2019 il dato è diminuito di ben -22 kg/abitante.

Da segnalare che a diminuire in modo di significativo è la parte non differenziata dei rifiuti (-48.000 tonnellate circa sul 2021 e -125.000 tonnellate rispetto al 2019).

Tornando ai Comuni

Tornando ai Comuni, sono 160 (con una popolazione pari al 59% di quella regionale) quelli che nel 2022 hanno superato l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata fissato dalla nomativa, 8 in più rispetto al 2021. 

In fondo all'articolo è riportata la tabella con l'elenco completo, ma intanto il titolo di Comune più ‘riciclone’ del 2022 va a Gambassi Terme (Fi) con il 90,15% di raccolta differenziata. Seguono sul podio Larciano (Pt) con l’89,73% e Lamporecchio (Pt) con l’88,27%.

Sono ben 44 i Comuni toscani che superano la quota dell’80% di raccolta differenziata. Dopo la terna dei più virtuosi, si piazzano: 

  • Capannori (Lu) con l’87,5%
  • Capraia e Limite (Fi) con l’87,42%
  • Certaldo (Fi) con l’86,86%
  • Calcinaia (Pi) con l’86,82%
  • Cerreto Guidi (Fi) con l’86,81%
  • Montelupo Fiorentino (Fi) con l’86,79%
  • Pieve a Nievole (Pt) con l’86,17%
  • Vinci (Fi) con l’85,96% 
  • Montecarlo (Lu) con l’85,8%
  • Fucecchio (Fi) con l’85,6%
  • Montespertoli (Fi) con l’85,19%
  • Monsummano Terme (Pt) con l’85,1%
  • San Godenzo (Fi) con l’84,99%
  • Rufina (Fi) con l’84,7%
  • Londa (Fi) con l’84,6%
  • Dicomano (Fi) con l’84,59%
  • Massarosa (Lu) con l’83,95%
  • Empoli (Fi) con l’83,86%
  • Casole in Lunigiana (Ms) con l’83,62%
  • Santa Maria a Monte (Pi) con l’83,46%
  • Castelfiorentino (Fi) con l’83,14%
  • Serravalle Pistoiese (Pt) con l’83,11%
  • Bagnone (Ms) con l’82,90%
  • Montignoso (Ms) con l’82,85%
  • Filattiera (Ms) con l’82,84%
  • Seravezza (Lu) con l’82,78%
  • Buggiano (Pt) con l’82,22%
  • Casale Marittimo (Pi) con l’82,12%
  • Sesto Fiorentino (Fi) con l’81,79%
  • Lucca – unica tra i capoluoghi di Provincia a superare l’80% - con l’81,76%
  • Borgo a Mozzano (Lu) con l’81,52%
  • Ponte Buggianese (Pt) con l’81,36%
  • Podenzana (Ms) con l’81,18%
  • Lastra a Signa (Fi) e Bientina (Pi) entrambi con l’80,98%
  • Cascina (Pi) con l’80,8%
  • Villafranca in Lunigiana (Ms) con l’80,6%
  • Scarperia e San Piero (Fi) con l’80,53%
  • Pietrasanta (Lu) con l’80,34%
  • Chiesina Uzzanese (Pt) con l’80,29%
  • Montaione (Fi) con l’80,27%

I dati di Ato e Province

Tra gli Ambiti territoriali ottimali il risultato migliore in termini percentuali è quello dell’Ato Toscana Costa che ha superato il 70%, con oltre due punti e mezzo in più rispetto all’anno precedente. L’Ato Toscana Centro si è attestato al 68% circa (con un aumento di quasi mezzo punto rispetto al 2021). Anche l’Ato Toscana Sud migliora, supera il 55% di raccolta differenziata con quasi due punti percentuali in più rispetto al 2021 e continua a lavorare per rimettersi al passo col resto della regione.

Tra le province si distingue come più virtuosa Lucca (380.830 abitanti e 242.556 t di rifiuti urbani totali) con il 76,943% di differenziata, percentuale stabile rispetto al 2021. 

Seguono Prato (258.459 abitanti e 159.460 t di rifiuti) con il 73,67% di differenziata (+0,3%), Pisa (416.323 abitanti e 236.513 t di rifiuti) con il 69,14% (+0,1%), Firenze (984,991 abitanti e 550,216 t di rifiuti) con il 68,44% (-0,4%) e Massa-Carrara (187.274 abitanti e 242.556 t di rifiuti), con il 67,41% di differenziata (e un significativo aumento, + 8,7% %).

Poi ancora Pistoia (288.911 abitanti e 150.959 t di rifiuti) con il 60,74% (+2,9%), Siena (259.858 abitanti e 151.301 t di rifiuti) con il 59,5% di differenziata (+0,1%) e Livorno (325.243 abitanti e 224.320 t di rifiuti) con il 59,25% di differenziata (+4%).

Infine Grosseto (215.973 abitanti e 139.006 t di rifiuti) con il 55,79% di differenziata (+3,6%) e Arezzo (333.290 abitanti e 190.850 t di rifiuti) con il 55% di differenziata (+2,7%).

L'analisi dei dati

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani parla "grande risultato, frutto di un lavoro serio e puntuale e di una crescente attenzione verso l’ambiente e lo sviluppo sostenibile".

"La Toscana ha varato un Piano della transizione ecologica che incamera, elabora e fa proprie queste nuove sensibilità e nuove opportunità di sviluppo. La strada intrapresa - sottolinea ancora Giani - è quella giusta e grazie alla collaborazione dei nostri cittadini e delle nostre amministrazioni, confido che riusciremo a percorrerla”.

“La Toscana ha vinto la sua sfida, ha superato nel 2022 il 65% di raccolta differenziata, così come previsto dalla normativa vigente", afferma l'assessora regionale all'ambiente Monia Monni che ringrazia sindaci e gestori. 

“Anche se in termini assoluti, le tonnellate di raccolta differenziata certificate nel 2022 sono molto vicine a quelle del 2021, il calo della quantità totale dei rifiuti ci ha portati ben oltre al 65%, dunque un po' meno spazzatura ed un po' più differenziazione, un risultato doppiamente positivo che mostra una crescente sensibilità e maggiore spirito di collaborazione nella popolazione”.

Ora c'è da guardare avanti: “La nostra nuova sfida – conclude l’assessora - sarà raggiungere il 75% con il dato medio regionale nel 2028, così come previsto dal Piano regionale dell’economia circolare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Pistoia. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Economia

Attualità

Attualità