Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:ABETONE11°25°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Soccorsi e forze di polizia sul luogo dell'attentato in cui hanno perso la vita diverse persone a Lautlingen, in Germania
Soccorsi e forze di polizia sul luogo dell'attentato in cui hanno perso la vita diverse persone a Lautlingen, in Germania

Attualità martedì 19 marzo 2024 ore 19:35

Pfas, così l'inquinante eterno avvelena la Toscana

fiume

La contaminazione da questi composti nocivi per la salute umana è diffusa nei corsi d'acqua, specie in corrispondenza dei distretti industriali



TOSCANA — Inquinante eterno nocivo per la salute umana: si chiama Pfas (poli e perfluroalchilici utilizzati in moltissimi cicli produttivi) e in Toscana è allarme per la sua diffusione nei corsi d'acqua, specie in corrispondenza di alcuni distretti industriali. A mappare le contaminazioni a pochi giorni dalla Giornata mondiale dell’acqua che si terrà venerdì 22 è una nuova indagine di Greenpeace Italia concentrata proprio sul territorio regionale toscano.

Secondo i campionamenti indipendenti effettuati nel Gennaio scorso, la contaminazione da Pfas interessa numerosi corsi d’acqua inquinati dagli scarichi di diversi distretti industriali. 

Se gli impatti dell’industria conciaria, tessile, florovivaistica e del cuoio erano già stati evidenziati dallo studio del 2013 del Cnr-Irsa e dai rilievi annuali di Arpat, le analisi condotte da Greenpeace Italia provano che anche il distretto cartario lucchese contribuisce all’inquinamento da Pfas. 

Punti di prelievo dei campioni lungo i vari distretti oggetto d’indagine (tessile, conciario, cuoio, cartario e florovivaistico)

Punti di prelievo dei campioni lungo i vari distretti oggetto d’indagine (tessile, conciario, cuoio, cartario e florovivaistico)

"Il quadro di contaminazione che emerge dalle nostre analisi è tutt’altro che rassicurante. Alcuni casi sono ben documentati da almeno 10 anni", dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. Serve un provvedimento normativo apposito sugli scarichi industriali: "La Regione deve individuare tutte le fonti inquinanti di Pfas e attivare le Asl per avviare al più presto indagini sulle acque potabili, soprattutto nelle aree in cui si registrano elevati livelli di contaminazione", indica Ungherese.

Pfas: ecco dove

Nella quasi totalità dei casi i campionamenti sono stati effettuati nei fiumi, a monte e a valle degli impianti di depurazione industriale: il consorzio Torrente Pescia e Aquapur (distretto carta), i depuratori del distretto conciario (depuratore Aquarno) e del cuoio (depuratore Cuoio-Depur, che scarica nel Rio Malucco), i fiumi Ombrone, Bisenzio e Fosso Calicino (distretto tessile) e il torrente Brana (distretto florovivaistico). 

Le concentrazioni più elevate sono state rilevate nel Rio Malucco, nel Fosso Calicino, nel fiume Ombrone e nel Rio Frizzone a Porcari a valle del depuratore Aquapur. Nel fiume Ombrone la concentrazione a valle del distretto tessile è risultata circa 20 volte superiore rispetto a monte, mentre nel Rio Frizzone a valle del depuratore la presenza di Pfas era di circa 9 volte rispetto a monte.

Oltre a rilevare alcune delle singole molecole di Pfas più utilizzate, le analisi di laboratorio hanno permesso di effettuare anche una stima della presenza di tutti i Pfas – un gruppo di oltre 10mila molecole differenti – rilevando il totale del fluoro organico adsorbibile (Aof). 

L’applicazione di questa tecnica analitica ha evidenziato le contaminazioni più preoccupanti a valle di uno dei depuratori del distretto tessile a Prato, quello di Calice (4.800 nanogrammi/litro), seguito dal canale Usciana a valle del depuratore Aquarno (4.500 nanogrammi/litro) e nel Rio Frizzone a valle del depuratore Aquapur (3.900 nanogrammi/litro) a Porcari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Pistoia. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità