Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:01 METEO:ABETONE17°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 08 aprile 2021 ore 12:22

Trema il turismo, "manca prospettiva"

Pistoia

E' allarme da parte degli albergatori del Pistoiese per una stagione estiva verso la quale si lamenta la carenza di piani di riapertura



PISTOIA — "Manca prospettiva in vista della stagione estiva": trema il turismo pistoiese che dal capoluogo alla Piana, dalla Valdinievole alla montagna, lamenta la carenza di pianificazioni per le riaperture. A dar voce ai timori del comparto è la presidente di Federalberghi Confcommercio Pistoia Veronica Bozzi: “Impossibile fare previsioni per la stagione estiva: senza un piano di riaperture e senza prospettive per i prossimi mesi, il turismo resta fermo. Pochissime le prenotazioni ricevute anche in primavera, molte delle quali cancellate ad ogni nuovo decreto o provvedimento anti-contagio. Questa situazione è estenuante, le attività del settore sono in ginocchio”, afferma.

“Leggiamo che il turismo estivo è già ripartito e che in molte località si prevede il tutto esaurito. Purtroppo possiamo dirlo per certo: non si tratta di Pistoia", è la sentenza di Bozzi. "Qui stiamo soffrendo non soltanto l’assenza dei flussi stranieri ma anche degli stessi italiani che ancora non riescono a fare progetti per l’estate. E come potrebbero? A differenza di ciò che accade in altri paesi, chi sceglie di passare le vacanze in Italia non sa cosa troverà: potrà cenare al ristorante? Potrà visitare monumenti, musei, luoghi d’interesse? Quali attività saranno aperte? E da quando?"

Il guaio dell'incertezza insomma è all'origine di una mancata ripresa anche sulle agende dell'ospitalità dei prossimi mesi: "Questa incertezza crea uno stallo per il turismo e gli unici che scelgono di programmare le vacanze - illustra Bozzi - preferiscono affittare una casa. Una scelta, quest’ultima, più sicura ma ben diversa da tutto l’indotto che si genera quando si alloggia in un albergo come, per esempio, le cene al ristorante o le esperienze convenzionate". A fronte di tutto ciò, gli albergatori pistoiesi tacciano di insufficienza i sostegni e di confusione i provvedimenti.

"Si naviga a vista", sintetizza Bozzi. "Non si può lasciar morire così un intero sistema turistico ed economico, ne va dello stesso futuro di Pistoia”, conclude.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel territorio provinciale le persone che hanno perso la vita dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono adesso 529, i positivi oltre ventimila
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità