Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:51 METEO:ABETONE13°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Space X, rientrati i primi turisti spaziali: l'ammaraggio della capsula al largo della Florida

Attualità giovedì 15 luglio 2021 ore 18:29

Rave party abusivi, la prefettura alza la guardia

rave

L'attività investigativa lascia ipotizzare che un raduno sia plausibile per il prossimo fine settimana. E il prefetto ha convocato le autorità



PROVINCIA DI PISTOIA — A guardia alta contro i rave party abusivi, il cui svolgimento sul territorio provinciale e in particolare in area montana è una eventualità che la prefettura non esclude già nel prossimo fine settimana. Il prefetto Gerlando Iorio ha convocato una riunione del comitato ordine e sicurezza pubblica al quale sono stati invitati i sindaci della montagna pistoiese, oltre al comandante provinciale dei vigili del fuoco e al dirigente della prevenzione e igiene pubblica di Asl. Obiettivo: mettere a punto un piano di vigilanza specifico per prevenire lo svolgimento di rave party "che potrebbero interessare il territorio di questa provincia già nel prossimo fine settimana", recita la nota di prefettura.

Il livello di attenzione si è innalzato a seguito dell'attività info-investigativa svolta dalle forze dell’ordine nei giorni scorsi, che ha attivato il dispositivo di vigilanza e controllo del territorio, nonché un’opera di sensibilizzazione volta a scoraggiare la possibilità che sul territorio della montagna pistoiese si svolgessero manifestazioni non autorizzate

In sede di Comitato, il prefetto ha quindi disposto l’intensificazione delle misure di controllo, che saranno attuate anche grazie all’invio di un contingente di rinforzo del reparto prevenzione crimine nonché di unità cinofile e il ricorso a un elicottero del reparto volo dell’Arma dei carabinieri.

Il piano messo a punto, inoltre, dovrà agevolare la tempestiva individuazione dei siti dove potrebbero svolgersi tali eventi, attraverso il coinvolgimento coordinato di vari enti e organizzazioni operanti nell’ambito della prevenzione socio-sanitaria, della sicurezza territoriale e della rete internet.

Durante la riunione, sono stati esaminati i profili di ordine pubblico e del rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, evidenziando da una parte la necessità di innalzare l’allerta a livello territoriale su tali fenomeni, e dall’altra potenziare l’attività informativa anche tramite la creazione di una banca dati dei siti potenzialmente utilizzabili per tali ritrovi.

"In questa prospettiva, su invito del prefetto Iorio, i sindaci e le polizie locali del territorio montano dovranno segnalare non solo eventuali movimenti sospetti, bensì in chiave preventiva censire i siti ritenuti maggiormente suscettibili di divenire luoghi in cui organizzare simili eventi non autorizzati - spiega la comunicazione prefettizia - dove si concentrano, spesso, un largo uso di sostanze stupefacenti o alcol, causa di problemi sanitari e di ordine pubblico, oltre che ambientali e di tutela della salute dei partecipanti. Tale attività, che vedrà il pieno coinvolgimento delle polizie locali, faciliterà il monitoraggio e la vigilanza posta in essere dalle forze di polizia".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno