Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:ABETONE4°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità mercoledì 23 settembre 2015 ore 12:54

Fusione dei Comuni, via libera al referendum

BUGLIANI SU FUSIONE COMUNI CUTIGLIANO E ABETONE

Il Consiglio regionale all'unanimità approva la delibera che indice la consultazione sulla nascita di un ente unico per Abetone e Cutigliano



CUTIGLIANO — Il quesito a cui dovranno rispondere con un "sì" o con un "no" i cittadini si conferma quello che già era stato annunciato nei giorni scorsi: “Siete favorevoli all’istituzione del comune Abetone Cutigliano, per fusione dei due comuni di Abetone e Cutigliano a partire dal 1’ gennaio 2017?”.

Ad illustrare la delibera approvata dal Consiglio regionale  è stato il presidente della commissione Affari istituzionali, Giacomo Bugliani (Pd). 

La sede del futuro comune unico, con 2170 abitanti, sarà a Cutigliano, del cui territorio Abetone faceva parte fino a metà degli anni Trenta. Il consiglio comunale sarà composto da nove consiglieri.

“Sono felicissimo, entusiasta e commosso di portare a termine un percorso, iniziato nella scorsa legislatura e non giunto a conclusione” - ha sottolineato Massimo Baldi (Pd) – E’ un punto di partenza decisivo per ridare speranza, risorse e prospettive alla Montagna pistoiese”.
“Appoggiamo la fusione a due, anche se avremmo preferito che il quesito contenesse un secondo quesito con la fusione a quattro” ha dichiarato Gabriele Bianchi (M5S). D’accordo con lui Manuel Vescovi (Lega Nord). “E’ un primo passo importante nella razionalizzazione del quadro istituzionale della Montagna pistoiese – ha affermato Marco Niccolai (Pd) – E’ una proposta concreta, condivisa dalle istituzioni locali, realizzabile. Altre proposte non hanno questi presupposti e rischiano di essere compromesse per sempre”.


Per Giovanni Donzelli (FdI) siamo in una situazione non facile: “Dobbiamo dare ai cittadini la possibilità di scegliere e di esprimersi tutti insieme – ha detto – C’è il rischio, altrimenti, d’instabilità istituzionale”.
“E’ uno dei compiti più rilevanti della legislatura delineare un nuovo modello di relazioni istituzionali in Toscana dopo la riforma delle province e l’affacciarsi della città metropolitana – ha affermato il capogruppo Pd Leonardo Marras – Molto passa attraverso la fusione dei comuni, con una maturazione diffusa. Dobbiamo accogliere tutte le istanze dei consigli comunali”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Come versare l'imposta municipale unica, dove trovare l'aliquota del proprio Comune, quale codice tributo usare: le dritte per non sbagliare nulla
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità