Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:ABETONE13°22°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
sabato 20 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso

Attualità venerdì 21 aprile 2023 ore 12:10

Vola alto in Toscana il turismo del 25 Aprile

turisti con cartina

Sono attesi oltre 600mila pernottamenti, con tasso di occupazione medio dell'81%. Ecco quali sono le mete più gettonate per zona e tipologia



TOSCANA — Centri d'arte presi d'assalto e turismo che vola in tutta la Toscana, anche se in modo non omogeneo: è la situazione in vista del ponte del 25 Aprile definita dal centro studi turistici i cui dati sono presi in esame e diffusi da Confesercenti Toscana. I numeri sono in crescita e le previsioni positive con un attesa di oltre 600mila pernottamenti nelle strutture ricettive della regione, con l’81% della disponibilità ricettiva online prenotata (nel 2019 si fermò al 77%). 

La Toscana si conferma in testa a tutte le classifiche di preferenza, e il flusso di turisti si dirigerà soprattutto verso le città e i centri d’arte, ma anche verso le località termali, rurali e di collina. Meno frequenti le richieste di prenotazione inoltrate nelle strutture delle località costiere e delle aree di montagna.

Il tasso medio di saturazione rilevato per le città/centri d’arte si attesta al 93%. Per le località marine l’occupazione media delle strutture è del 71%, mentre per le strutture delle aree di montagna si ferma al 65%. Invece, per le località termali e collinari i tassi rilevati sono rispettivamente dell’82% e del 87%.

I tassi di occupazione per tipologia di destinazione

I tassi di occupazione per tipologia di destinazione

“In generale la tendenza positiva della domanda turistica è attesa in quasi tutte le aree della regione, anche se per la fascia costiera i tassi di saturazione si fermerebbero al di sotto dei valori medi – illustra il presidente di Confesercenti Toscana Nico Gronchi -. Un trend migliore risulterebbe, invece, per le aree della Val d’Orcia, del Chianti, della Val di Chiana e della Val d’Elsa. Un buon livello di prenotazioni è stato registrato anche per il Valdarno e il Mugello”.

I tassi di occupazione per area della Toscana

I tassi di occupazione per area della Toscana

“Per il turismo in Toscana sono più di 12 mesi continuativi di crescita dei flussi, a cui si è aggiunto un periodo pasquale con il sold out in alcune città d’arte grazie alla presenza di numerosi turisti stranieri. Il 2023 sembra accelerare dopo un 2022 che ha aumentato del +36% le presenze del 2021, fissando al -11% circa il disavanzo con i volumi raggiunti nel 2019”, è l'analisi di Gronchi.

Ora il problema resta semmai quello della mancanza di personale: “Stiamo raccogliendo dalle imprese di tutta la filiera un grido di allarme ormai cronico - attesta Gronchi - in particolare per alberghi e ristoranti e per tutti i profili lavorativi".

Nota metodologica: i dati dell’indagine sono stati ottenuti attraverso l’analisi della disponibilità di camere e altre sistemazioni sui diversi portali delle OLTA. Il monitoraggio del CST ha rilevato la saturazione dell’offerta ricettiva regionale online per il ponte del 25 Aprile, indagando in particolare il periodo 22 – 25 aprile 2023.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Soglie Isee più elevate e importi più consistenti nelle nuove erogazioni che riguardano circa 1.700 studenti e studentesse. Scadenze e importi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità