Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:34 METEO:ABETONE15°27°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nicola Cage si scusa: «Non sarò al Festival di Taormina». Suo figlio è stato arrestato
Nicola Cage si scusa: «Non sarò al Festival di Taormina». Suo figlio è stato arrestato

Lavoro domenica 11 febbraio 2024 ore 16:00

Lavoro autonomo, chiuse 31.400 partite Iva in 4 anni

bandone chiuso
Botteghe e artigiani le categorie più colpite

Nel territorio di Massa-Carrara un calo di agricoltori, negozianti e artigiani fra i più pronunciati d'Italia. La risalita del 2023 non colma il gap



TOSCANA — Dal 2019 al 2023 la Toscana ha visto la chiusura di 31.400 partite Iva (da 403.700 a 361.900), con una ripresa del lavoro autonomo e 10.400 unità imprenditoriali in più dal 2022 al 2023 che tuttavia non basta a colmare un gap che rispetto al pre Covid (2019) resta del -7,8%: il dato giunge dall'analisi recentemente diffusa dall'ufficio studi della Cgia di Mestre, in cui si lancia massimo allarme per gli autonomi 'classici', ovvero gli artigiani, i piccoli commercianti e gli agricoltori.

Il fenomeno interessa da vicino la Toscana (-47.392 unità fra il 2014 e il 2022), con il territorio provinciale di Massa-Carrara che accusa un calo fra i più pronunciati d'Italia (-20,1%), secondo solo a quello di Vercelli (-21,6%) e seguito invece da quello di Biella (-19,4%).

A parte la performance particolarmente negativa di Massa-Carrara, però, in tutte le province toscane si è registrato un calo di botteghe, artigiani e agricoltori, con segno meno in forbice fra il -20,1% della provincia apuana e il -11,3% di Prato.

Ma ecco i numeri della mortalità di autonomi 'classici' (artigiani, piccoli commercianti, agricoltori) nelle province toscane fra il 2014 e il 2022, nei posizionamenti della classifica nazionale.

  • 2° posto - Massa-Carrara: -20,1% (-3.454 unità, da 17.210 a 13.756)
  • 10° posto - Pisa: -17,5% (-6.012 unità, da 34.330 a 30.343)
  • 15° posto - Lucca: -16,7% (-6.038 unità, da 36.090 a 31.955)
  • 21° posto - Arezzo: -16,1% (-4.967 unità, da 30.797 a 27.605)
  • 30° posto - Pistoia: -15,3% (-4.203 unità, da 27.383 a 23.180)
  • 38° posto - Siena: -14,5% (-3.411 unità, da 23.570 a 20.159)
  • 55° posto - Livorno: -12,8% (-3.355 unità, da 26.189 a 22.834)
  • 57° posto - Firenze: -12,7% (-10.291 unità, da 81.030 a 70.739)
  • 63° posto - Grosseto: -12,0% (-2.841 unità, da 23.598 a 20.757)
  • 67° posto - Prato: -11,3% (-2.820 unità, da 24.964 a 22.144)

Il segretario della Cgia, Renato Mason, osserva: “Il crollo del numero degli artigiani e dei piccoli commercianti è ormai visibile a occhio nudo. Nelle città e nei paesi di periferia è sempre più in aumento il numero delle botteghe e dei negozi chiusi definitivamente. Va evitato tutto ciò, perché questa desertificazione abbassa notevolmente la qualità della vita di tutti noi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si risveglia la passione a farsi imprenditori, con aumento delle attività mentre però crescono anche le cessazioni. La Toscana provincia per provincia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Economia