Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:ABETONE18°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Matteotti, 100 anni dopo - La morte di Matteotti e l'inizio della dittatura violenta di Mussolini

Attualità giovedì 27 gennaio 2022 ore 13:33

​Col caro bollette tremano 2.343 imprese

bobine di filo
Il tessile è tra i settori energivori più in sofferenza

Preoccupano le proiezioni circa l’impatto della stangata per gas ed elettricità sulle aziende energivore di Pistoia, Prato e Lucca con 22.314 addetti



PISTOIA / PRATO / LUCCA — Se la fine del 2021 ha rappresentato un picco di eccezionale entità per i prezzi di energia elettrica e gas, le prospettive per il 2022 e gli anni successivi fanno tremare le aziende energivore delle province di Pistoia, Prato e Lucca. Le attività interessate nel territorio di riferimento di Confindustria Toscana Nord sono 2.343 con 22.314 addetti che rappresentano il 23% del totale delle persone impiegate nel manifatturiero.

Per comprendere la portata del dato: la media regionale annovera fra le energivore l'11% delle imprese e il 14% degli addetti. Fra questi ultimi, più della metà (il 52%) fa riferimento ad aziende energivore dell'area Lucca-Pistoia-Prato, dalla spiccata caratterizzazione manifatturiera e con presenza massiccia di tessile (energivoro il 76% delle imprese del settore) e cartario (energivoro il 69% delle imprese), cui si aggiungono con una densità significativa anche la gomma-plastica, il lapideo e la metallurgia.

E se nel Pistoiese sono tessile, carta, vetro e metallurgia a pagare il conto più alto come ricorda il presidente di Confindustria Toscana Nord Daniele Matteini, nel complesso è Prato la provincia più a rischio. 

Tabella di Confindustria Toscana Nord

Tabella di Confindustria Toscana Nord

La vicepresidente dell'associazione interprovinciale degli industriali Fabia Romagnoli fa il punto: "Con 1.600 aziende classificate come energivore e i corrispondenti 12.500 addetti, vale a dire il 28% del totale delle persone impiegate nel manifatturiero, Prato detiene nel territorio di Confindustria Toscana Nord il primato ben poco invidiabile di provincia più esposta alle conseguenze del caro-energia". Nel Pratese il tessile da solo rappresenta quasi 1.500 aziende energivore, con 12.100 addetti, l'80% del totale del settore. 

"A Lucca - dettaglia poi il vicepresidente vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Tiziano Pieretti, delegato per l'energia sono energivore 296 imprese, che corrispondono al 22% degli addetti del manifatturiero. Nel caso della carta ben tre quarti degli addetti fanno parte di imprese energivore, ma soffrono pesantemente anche metallurgia, gomma-plastica, lapideo, moda".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco le opportunità proposte dai Centri Impiego di Pistoia e provincia, lavori a tempo indeterminato e determinato ed apprendistato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità