Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:20 METEO:ABETONE13°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Attualità mercoledì 25 maggio 2022 ore 10:20

La ripresa industriale con l'incubo rincari

scarpe
Il calzaturiero torna a crescere con un +7,3% nel primo trimestre 2022

Nel primo trimestre 2022 lo slancio c'è, soprattutto per calzaturiero e settore chimica e plastica. Ma gli scenari internazionali generano incertezza



PROVINCIA DI PISTOIA — Lo slancio alla ripresa nella produzione industriale pistoiese c'è, ma il rincaro delle materie prime e l'incertezza legata agli scenari internazionali di guerra generano inevitabili incertezze: è il quadro economico che ritrae la situazione nella provincia di Pistoia per il periodo Gennaio-Marzo 2022 secondo le rilevazioni del Centro studi di Confindustria Toscana Nord.

A fronte di comparti in crescita spiccata, calzaturiero e chimica-plastica in testa, ce ne sono in forte calo come quello alimentare. La disamina dei dati pistoiesi per il primo trimestre 2022 la produce Daniele Matteini, presidente di Confindustria Toscana Nord: "Buono il risultato per diversi comparti dell'economia pistoiese, a iniziare dalla chimica plastica in crescita costante (+7,2%) - enumera -, la metalmeccanica (+5,8%) l'abbigliamento maglieria (+6,9%), la carta (+6,2%), finalmente il cuoio-calzature (+7,3%)". 

E ancora: "Modesta ma presente la crescita nel settore del mobile, che include anche la produzione di materassi (+1,9%) mentre resta impercettibile la crescita nei tessuti (+0,1%). Il peggior dato è rappresentato dal settore alimentare, che perde una quota considerevole di produzione (-6,6%) assecondando in maniera marcata una tendenza già registrata nei trimestri precedenti". 

Positive le previsioni delle aziende, soprattutto in merito agli ordini dall'Italia, mentre poco ci si attende dall'estero: "Questo è un dato che merita riflessione, per una provincia fortemente orientata verso l'export e che, evidentemente, ragiona in maniera pessimistica sullo scenario internazionale". 

E poi a porre una zavorra a quello parrebbe voler essere un colpo d'ala naturale ci sono i problemi generalizzati dell'industria nel suo complesso: aumento del prezzo delle materie prime e difficoltà a reperirle, prezzi di gas ed energia elettrica, ricadute delle sanzioni applicate alla Russia soprattutto su alcuni comparti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno