Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:08 METEO:ABETONE11°14°  QuiNews.net
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dello scambio in aeroporto tra Brittney Griner e Viktor But

Attualità venerdì 05 marzo 2021 ore 13:58

Bonifica oh cara e la montagna non ce la fa

montagna pistoiese

Appello alle istituzioni, da parte di Confcommercio, per rivedere il contributo giudicato insostenibile soprattutto a fronte della crisi pandemica



PISTOIA — “Contributo di bonifica insostenibile per le imprese della Montagna. Simili costi non possono gravare sulle attività dopo anno di pandemia: le amministrazioni ci tutelino": è questo l’appello che Confcommercio rivolge alle istituzioni del territorio, chiedendo di farsi portavoce di fronte al Consorzio 1 Toscana Nord, gestore della tariffa, delle esigenze delle attività economiche piegate dalla fase emergenziale legata al Covid-19.

“Abbiamo già chiesto in passato, purtroppo senza successo, una profonda revisione del contributo che negli anni era diventato un grave peso nei bilanci delle imprese. Basti pensare che nel 2016 le aziende sono arrivate a pagare oltre il 90% in più del 2015 - sottolinea Confcommercio pistoiese - e a poco sono serviti, in confronto, i lievi cali registrati negli anni successivi".

La confederazione ha presente il piano di recupero messo in atto dal Consorzio 1 Toscana Nord che coinvolge una serie di contribuenti finora esclusi, in modo da portare a un progressivo abbassamento dell’imposta: "Ma oggi questa necessità è del tutto inappropriata", lamenta in una nota. "Soprattutto per gli alberghi, sui quali il contributo grava particolarmente e che, sebbene possano restare aperti secondo la normativa, non lavorano abbastanza da coprire i costi fissi richiesti dalle strutture, finendo spesso per scegliere di restare chiusi".

E dunque: "In un tessuto economico già delicato come quello della Montagna pistoiese, diventa determinante azzerare le imposte per l’intero periodo dell’emergenza". Non pare, afferma Confcommercio, che si vada in quella direzione: "Purtroppo - sottolinea - ad oggi riscontriamo tutt’altro atteggiamento da parte del Consorzio di bonifica: nel 2020, infatti, sono stati emessi ben due avvisi di pagamento, quello dell’annualità 2019 e quello dell’annualità 2020. E' inaccettabile la totale mancanza di attenzione verso il tessuto imprenditoriale".

Dunque parte l'appello alle isitutzioni: "Serve una revisione della tariffa e una sospensione dei pagamenti. Se le attività e lo stesso territorio non saranno tutelati, rischiano di riportare ferite sempre più gravi dalle quali sarà impossibile risollevarsi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Istituito nel 2009, il riconoscimento va ai giornalisti che si occupano di informare gli italiani sugli Stati Uniti. Ecco i premiati 2022
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità