QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABETONE
Oggi 12°15° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
martedì 26 settembre 2017

Attualità giovedì 22 giugno 2017 ore 10:30

​Pistoia-Abetone Ultramarathon, pronti al via

Carmine Buccilli

Toccata quota 1700 iscritti, ma le adesioni sono sempre aperte. Il quadro completo dei top runners in gara

ABETONE — È tutto pronto per la 42esima edizione della Pistoia-Abetone Ultramarathon 50km, il cui start è previsto domenica 28 giugno alle 7,30 da Piazza del Duomo.

Si sono già chiuse le iscrizioni per i traguardi competitivi di Abetone (50 chilometri) e San Marcello Pistoiese (30 chilometri).

Sabato mattina (dalle 10 alle 12) si riceveranno le ultime adesioni per i traguardi non competitivi (Le Piastre-14 chilometri) e San Marcello-Abetone (20 chilometri, Free Walking) all’Expo “Pistoia-Abetone”, presso lo spazio espositivo “La Cattedrale” di Via Pertini, zona ex Breda.

Al momento gli iscritti sono 1700 (855 per la 50 chilometri traguardo Abetone, di cui 140 donne e 270 per la 30 chilometri con traguardo San Marcello, fra cui 40 donne). Sono 105, per ora, gli iscritti per la prova di Fitwalking (camminata veloce) da San Marcello all’Abetone(km.20), un vero successo nelle ultime edizioni. Altri 40 divisi fra per le staffette del Gruppo Aurora di Prato, del Gs Campiglio (in ricordo del proprio atleta Fiorello Maestripieri) e per il traguardo non competitivo di Le Piastre (km.14). Sono invece 400 i partecipanti al 4° traguardo (Le Regine-Abetone) e 30 alla Traversata Notturna da Portafranca adAbetone.

Saranno in gara atleti di tutte (dalla prima all’ultima!) le regioni italiane e sono già 27 (nuovo record) le nazioni ad oggi rappresentate per un totale di 50 atleti stranieri (Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Croazia, Ungheria, Polonia, Romania, San Marino, Albania, Stati Uniti, Venezuela, Cile, Argentina, Perù, Massico, Filippine, Giappone, Nigeria, Australia, con le new entry Lettonia, Sud Corea, India, Ruanda e Sri Lanka).

In campo maschile sarà purtroppo assente per problemi fisici il vincitore delle ultime due edizioni il romagnolo Matteo Lucchese. Il pettorale numero 1 sarà così indossato dal laziale Carmine Buccilli, vincitore 2013 e 2014, secondo lo scorso anno, oltreché uno dei migliori maratoneti italiani delle ultime stagioni. 17° assoluto a New York nel 2015, quest’anno si è imposto nella Strasimeno ed è ben intenzionato a calare il clamoroso tris di vittorie, impresa riuscita in passato solo all’indimenticabile icona della gara, Sergio Pozzi (1980, 1981, 1982) ed al fuoriclasse russo Alexey Kononov (1995, 1996, 1997).

Il principale avversario sarà il forte ruandese Jean Baptiste Simukeka, atleta di primissimo livello portato dall’onnipresente manager Paolo Traversi. Moltissime le sue affermazioni in Italia, tra cui la Cortina-Dobbiaco 2015 e la Belluno-Feltre 2016.

Non potevano mancare gli ungheresi, guidati come sempre dal supermanager Tamas Molnar, che propone una coppia di indubbio valore ed esperienza. Il veterano Janos Zabari vanta un curriculum di grande rispetto e fu 3° all’Abetone nel 2010. Per lui ben 4 vittorie nella classicissima croata Zagreb-Cazma (61 chilometri, quest’anno è giunto 2°) e trionfi nella Vienna-Bratislava-Budapest 2013 (317 chilometri!!) e nella 100 chilometri di Kiber 2014.

Oltre 30 sono le vittorie “ultra” di Peter Steib tra cui la 50 chilometri di Budapest 2005, la 50 di Debrecen 2008, la Supermaratona del Lago Balaton 2012, 2013, 2014, 2016 e 2017, la 60 chilometri Sombor-Baia 2012, la Gyor-Budapest 2014, la Zagreb-Cazma 2016 e la Run for Premiès 2017.

Altro cliente da non sottovalutare è il croato Robert Radojkovic, nel cui prestigioso curriculum figurano i podi più alti alla Zagreb-Cazma 2014, 2015 e 2017, alla 100 chilometri di Asolo 2016 ed alla 100 di Zagabria 2015.

A giocarsi il podio saranno anche l’umbro Cristian Marianelli maratoneta di ottimo valore che prova ad azzardare il chilometraggio superiore. In quest’avvio di stagione ha vinto la Maratona del Trasimeno, la Scalata al Castello di Arezzo ed è giunto 3° alla Maratona di Rimini.

Ottime possibilità per il piemontese Stefano Velatta (1° quest’anno all’Ultramaratona della Pace sul Lamone e nelle 6 ore di Corato e Montesilvano; nel 2016 trionfò nella 100 chilometri delle Alpi, mentre all’Abetone giunse 4° ) e per l’italo-albanese Andi Dibra, vincitore dell’Eco-Maratona del Chianti 2016 a Castelnuovo Berardenga (Siena).

Fra i top runners in gara ci sono l’altro romagnolo Marco Serasini, 4° un mese fa alla 100 chilometri del Passatore e già quattro volte nei primi 10 alle Piramidi (2011, 2012, 2013, 2016 con un ottimo 7° posto), l’imolese Andrea Bernabei (6 volte nella top ten, miglior risultato 3° nel 2008) ed il triestino Enrico Maggiola, 11° nel 2016 e vincitore a Dicembre sui 70 chilometri dell’Ultramaratona cinese di Taipei.

I toscani si affidano al livornese Marco Lombardi, che si è imposto tre volte nella 6 Ore del Donatore a Foiano della Chiana, nella Lupatotissima 6 ore 2014, nella 100 chilometri di Asolo 2013, dove ha vinto anche la 50 chilometri nel 2015. Nel 2016 ha vinto anche le 6 ore di Capo d’Orlando, Curinga e Barletta ed all’Abetone concluse al 6° posto finale.

Forti anche gli aretini Roberto Fani, 10° all’Abetone nel 2013, 9° l’anno scorso, 1° nella Maratona dell’Elba 2016, sempre a suo agio nelle gare più dure ed impegnative ed Edimaro Donnini (10° alle Piramidi 12 mesi orsono), trionfatore 2014 e 2015 nell’impegnativo Trail del Montanaro a San Marcello Pistoiese e quest’anno nella 6 Ore del Donatore e nel Trail delle Valli Etrusche. Altro outsider Gionata Tesi (Atletica Signa), 8° all’Abetone 2016 e 3° alla Maratona dell’Elba 2017.

Fra i pistoiesi si attendono grandi cose dal montalese Massimo Tredici (12° assoluto nel 2014), dal pratese Federico Badiani(Montecatini Marathon) ed in particolar modo da David Fiesoli(Aurora Montale) che punta deciso ad un possibile piazzamento nella top ten. Tra le sue affermazioni la Maratonina aglianese dei Sei Ponti 2014, la Mugello GP Run 2015, la Maratonina del Partigiano 2017 ed è giunto 7° assoluto Sabato scorso alla Notturna fiorentina di San Giovanni. Fra i veterani della corsa occhio sempre a Gaetano Cardia(Silvano Fedi), innumerevoli volte nella top ten finale e passato alla storia per aver disputato l’edizione 2010 interamente a retrorunning (tempo 9 ore e mezzo, impresa fantastica).

In campo femminile in gara la vincitrice delle ultime due edizioni (a tempo di record nel 2015), la rumena naturalizzata unghereseSimona Staicu, campionessa mondiale junior su pista dei 3000 metri 1990, tre successi nella tremenda Jungfrau Marathon (Oberland Bernese-Svizzera, 2006, 2008, 2010) ed una vittoria nella sudafricana Two Oceans, una delle più belle ultra del mondo. Nel 2017 ha all’attivo il successo nella Maratona di Trieste.

Sarà di nuovo lotta feroce con la croata Marija Vrajic, il cui curriculum parla chiaro. Due vittorie all’Abetone (2009 e 2014, negli ultimi due anni è stata seconda), più successi a raffica in tutte le classiche italiane: due volte alla Firenze-Faenza, tre alla 50 chilometri di Romagna, poi la Strasimeno 2015, le 100 di Seregno, le 100 chilometri delle Fiandre, di Stoccolma e ben 6 affermazioni nella gara di casa Zagreb-Cazma, fra le gare top dell’Est europeo. L’organizzazione è ancora in attesa di conoscere il nominativo della 2^ specialista croata per cui è stata chiesta l’iscrizione ed i dubbi saranno sciolti all’ultimo tuffo.

Ci sarà il gradito ritorno della marchigiana Barbara Cimmarusti, 2^ alle Piramidi nel 2014 e 2015, terza nel 2013, trionfatrice nella Strasimeno 2013 e della giapponese Majidae Sohn, messasi in luce nel 2016 con la 2^ piazza alla 50 chilometri di Romagna, il successo alla Strasimeno e nel 2017 con la vittoria nella 6 Ore del Parco delle Cascine. La magiara Terezia Gyorgy è da prendere in seria considerazione, dopo l’affermazione nella 6 ore Bainoksaga 2016 ed il terzo posto alla Zagreb-Cazma 2017.

Eccellente il resto del parco-partenti con in testa la ligure Sonia Ceretto che ha un palmarès che non si discute: 5 volte nelle prime 5 alle Piramidi (2^ nel 2008) ed una vittoria alla Firenze-Faenza, più piazzamenti di rilievo in tutte le ultra italiane.

Anche le toscane saranno agguerrite con Cristina Pionzo (due volte 5^ all’Abetone) e le valide maratonete mugellane Marta Isabella Doko, Sabrina Gargani e la cilena trapiantata a Lucca Andrea bernardita Salas.

A completare il ricco cast la friulana Elena Fabiani, 1^ alle 6 ore di Buttrio e Passons 2016, la romagnola Elisa Zannoni, 6° AL Passatore un mese orsono, le lombarde Lucia Bongiovanni , 2^ nel 2016 alla Supermaratona dell’Etna, Daniela De Stefano, trionfatrice nella 50 chilometri lungo l’Adda 2016 e nell’Ultramaratona sulla Sabbia di quest’anno e Daniela Viccari, 1^ alla Terre di Siena 2016 ed alla Chianti Classico Ultra 2017.

Emozione anche con la partecipazione dell’altra lombarda Maria Rita Zanaboni (vincitrice 1989, 1990 e 1991).

Gli altri

Già iscritti molti fedelissimi della gara come il pistoiese Giordano Chiappelli (41 arrivi in 41 edizioni, l’unico a poter vantare quest’incredibile primato), che quest’anno correrà per la 2^ volta assieme al figlio Simone Chiappelli e la capofila femminile, la prateseMichela Aniceti (28 edizioni portate a termine). Presenti ancheAlberto Bambini (Livorno - 31 arrivi), Claudio Guidotti (Borgo San Lorenzo - 26), Ugo Marchionni (Roma – 23), Simone Moncini(Pistoia - 23), Marco Seghi (Pistoia – 22), Franco Scarpa (Limite sull’Arno – 22), Gianfranco Toschi (Lucca – 22) ed Arcangelo Ruotolo (Lucca – 21). Ci saranno, come di consueto, per il traguardo di San Marcello, gli arbitri di calcio dell’AIA di Pistoia, capeggiati dal carismatico presidente Massimo Doni ed il prateseMarco Albertini, che tenterà di raggiungere l’Abetone per la 5^ volta consecutiva, spinto sulla sedia a rotelle dagli amici Antonio Mammolli (18 volte in vetta) e Daniele Giusti (13 volte alle Piramidi, 2° assoluto nel 2008).

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

abetone