QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABETONE
Oggi 14°24° 
Domani 10°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News abetone, Cronaca, Sport, Notizie Locali abetone
venerdì 22 giugno 2018

Attualità martedì 22 maggio 2018 ore 17:08

Sanità in montagna, FI chiede un pronto soccorso

Interrogazione in Consiglio regionale del capogruppo azzurro Marchetti: "La richiesta di cittadini e amministrazioni deve essere accolta"



FIRENZE — La Regione accolga la richiesta di attivazione di un pronto soccorso accreditato presso l’ospedale di riferimento della Montagna Pistoiese, il Pacini di San Marcello, così come invocato dai cittadini e dalle amministrazioni comunali per una zona che rientra tra quelle particolarmente disagiate previste dal decreto Balduzzi sia per situazione geomorfologica che per difficoltà infrastrutturali": è con questa richiesta che il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti proietta sui tavoli della giunta regionale toscana la situazione sanitaria della Montagna Pistoiese.

La forma è quella di un’interrogazione a risposta scritta in cui – a un anno dalla petizione consegnata alla Regione da parte delle comunità locali e dopo la deliberazione congiunta dei principali comuni dell’area – si invita la Regione ad attivare il pronto soccorso così come previsto dal decreto 70/2015, cosiddetto decreto Balduzzi, per le aree insulari o montane.

"Come si dice? Chiedere è lecito, rispondere è cortesia - prosegue Marchetti - Ecco: sapere che l’ente di governo della sanità regionale a distanza di un anno non ha mai risposto alla richiesta formulata da oltre 8mila cittadini, ma fosse stato anche uno solo il principio varrebbe ugualmente, nonché da due Consigli comunali appare uno sgarbo istituzionale e civico insopportabile".

"Ecco perché ho deciso di ricorrere a un’interrogazione che per lo meno obblighi la giunta a dire la sua - scrive ancora il capogruppo di Forza Italia - Per quanto ci riguarda il pronto soccorso lì è necessario e le rivendicazioni della popolazione e degli amministratori sono fondate. Per di più perché nella stagione sciistica e in quella estiva il bacino di utenza potenziale dell’ospedale e delle sue funzioni di emergenza si espande oltremodo, e ciò richiede una struttura attrezzata secondo i parametri previsti dal decreto Balduzzi sulle aree disagiate, montane o insulari, ovvero con pronto soccorso presidiato da professionisti dell’emergenza-urgenza".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Cronaca

Attualità